Museo FATA

E’ il nome del museo a tema, ed è il fiore all’occhiello della “La città delle scienze ambientali”. Il suo nome è l’acronimo dei 4 elementi naturali – fuoco, aria, terra, acqua ed ha un alta valenza scientifica divulgativa ambientale, il cui contenuto si svilupperà nei padiglioni dedicati ai 4 elementi della natura. All’interno dei padiglioni del museo si svolgeranno attività che stimoleranno il visitatore a fare quell’esperienza che ad oggi sul nostro territorio è mancata.

L’idea alla base del progetto FATA poggia sul concetto di “Edutainment”, metodologia in uso nelle maggiori realtà didattiche nazionali e internazionali, che permette di fare interagire gli aspetti educativi con il divertimento, laddove l’esperienza diventa fine e mezzo dell’istituzione didattica.

In linea con gli studi più avanzati in ambito educativo e didattico, l’Edutainment si pone sulla scia del costruttivismo socio‐culturale che prevede la coesistenza di tre elementi fondanti: la costruzione come processo attivo del soggetto volto a rielaborare i propri significati e le proprie strutture conoscitive; la collaborazione, come relazione sociale entro cui avviene e si determina il percorso apprenditivo individuale; il contesto, come cornice storico‐culturale ed esperienziale entro cui si colloca il processo.

Il progetto espositivo dei singoli padiglioni sarà concepito secondo i principi della museografia scientifica contemporanea: gli oggetti e i fenomeni saranno posti in un dialogo espositivo che dà vita all’esperienza degli elementi.

Ogni livello avrà un’area introduttiva che proporrà con un approccio emozionale una overview dell’elemento; immagini, diorami, elementi espositivi saranno composti in modo da accompagnare il visitatore nella comprensione del tema trattato.

Per ogni livello c’è un’area per  laboratori didattici o piccole mostre temporanee.

Il programma espositivo di ogni piano sarà incentrato su un meccanismo narrativo coerente rispetto all’elemento e sviluppato attraverso diverse forme di esperienza che seguiranno una precisa scansione. Saranno alternate esperienze di apprendimento ed esperienze di divertimento, utilizzando metodologie didattiche informali, alternative e innovative, sempre considerando il coinvolgimento emotivo finalizzato a rendere l’esperienza densa di contenuti, educativa, indimenticabile.